13) Quando si emette fatturazione

Quando si apre una nuova partita IVA a fronte dell’avvio di una nuova attività imprenditoriale o professionale si dovrà per forza iniziare a emettere fatturazione ed occuparsi della fatturazione e portar avanti una corretta contabilità sotto ogni punto di vista, onde evitare spiacevoli soprese di tipo economico oppure per evitare di incorrere in sanzioni amministrative, a volte anche molto pesanti.

Quando si avvia una nuova attività conviene sempre, anche quando si è nel regime dei minimi, farsi aiutare da uno studio commercialista per la contabilità e per avere istruzioni sull’emissione di ogni singola fattura. Il più delle volte un corso di formazione su fatturazione e contabilità potrà tornare molto utile anche per quelle persone che hanno già svolto attività professionali in passato.

Quando si compila o si emette la fatturazione sono molte le cose da tenere in considerazione: intestazione, valori iva, valori di vendita, descrizioni prestazioni e altro ancora. Molto importante è anche conoscere il momento di emissione della fattura che può variare in base alla vendita oppure alla prestazione di servizi, inoltre il momento di emissione può variare anche in base alla tipologia di beni ceduti o dei servizi.

Quando si tratta di cessione di beni, l’emissione della fattura avviene al momento della consegna del bene acquistato, cioè nel momento in cui il bene cambia obbiettivamente di proprietà. Nel caso delle prestazioni di servizi, la fatturazione viene emessa nel momento in cui la prestazione si conclude contestualmente alla fine della prestazione o servizio e al pagamento della stessa.

Nel caso si sia concordato un acconto tra le due parti, lo stesso dovrà essere fatturato nel medesimo modo in cui viene fatturato il saldo.